NEWSLETTER GRATUITA MINDGATE

COME RAGGUNGERE GLI OBIETTIVI OTTIMALI Seconda Parte

Come raggiungere il vostro obiettivo in modo veloce ed efficace!

FOTO Quali sono i motivi alla base dell’insuccesso di alcune persone? Non riuscire a realizzarsi nel lavoro o non avere una vita di coppia soddisfacente e felice; non riuscire ad abbandonare abitudini di vita indesiderate, alimentarsi in modo sano, dimagrire, praticare più sport, condurre la propria formazione in modo continuativo, avere più sicurezza in se stessi, vivere una vita più gioiosa alla quale poter dare un senso… E qual è invece il segreto delle persone che riescono a completare con successo tutto ciò che intraprendono? Dipende da una predisposizione genetica oppure risultano determinanti i dogmi, i blocchi e i dubbi che ci assillano?
Come già riportato nella news precedente, la condizione più importante per aver successo e raggiungere concretamente il proprio obiettivo è scegliere l’obiettivo “giusto”. Solo così è possibile acquisire una forte motivazione intrinseca che permetterà di conseguire realmente il traguardo prefissato.

Se non avete ancora letto il nostro fascicolo informativo sul metodo MindGate®, ce lo potete tranquillamente richiedere e noi ve lo invieremo gratuitamente per posta o via e-mail.

Come procedere:

Primo passo: fatevi mostrare come sono impostati i vostri programmi in relazione all’obiettivo che vi siete posti. Ci sono dogmi che vi ostacolano? Ci sono altri impedimenti, come ad esempio dei blocchi o dei dubbi in merito? Fatevi mostrare in modo chiaro e inequivocabile che cosa si frappone tra voi e il vostro traguardo e che cosa dovete fare per liberare il vostro percorso da questo ostacolo.

Secondo passo: fatevi mostrare se per voi è possibile conseguire l’obiettivo che vi siete prefissati. Se la risposta è positiva, chiedete come fare per giungere al traguardo nel modo più rapido e con il minor dispendio di energia e tempo. Il vostro inconscio conosce la via più efficiente e quindi farvela indicare in anticipo. Abbiate fiducia nella vostra voce interiore, nella vostra intuizione. Solo in questo modo potrete riconoscere ciò che dovrete fare per giungere direttamente al vostro traguardo.

Terzo passo: programmare il vostro obiettivo nel campo morfico. A tal proposito è necessaria da un lato la volontà di conseguire l’obiettivo – senza la quale è impossibile realizzarlo – concretizzandola con la frase: “io lo voglio!”; dall’altro è necessario essere veramente convinti e credere di poter concretizzare questa intenzione e quindi: “io ci credo!”.

Per la programmazione potete utilizzare il vostro “film mentale“. Guardatevi il filmato del vostro successo e programmate quindi l’obiettivo che volete realizzare “sintonizzandolo” sul successo.
Se ad esempio vi siete posti l’obiettivo di tenere un discorso coinvolgente davanti a migliaia di spettatori, immaginatevi mentalmente sul palco, sicuri di voi stessi, fiduciosi e con un forte carisma. Ora volgetevi verso il pubblico e guardate i visi entusiasti e pieni di luce. Immaginatevi la gente che vi applaude e voi che godete di questo apprezzamento. Dopo la vostra esposizione, alcune persone che vi avvicinano, vi fanno i complimenti e voi che vi sentite al settimo cielo. Fissate infine questa sensazione, questa emozione dentro di voi in profondità.

FOTO Rivivete poi mentalmente queste immagini ogni qualvolta vi è possibile, da un minimo di 10 fino a 20 volte. Così facendo, queste emozioni e sensazioni si ancoreranno nel vostro campo morfico e potranno continuare ad agire anche durante la notte, nel sonno. Ripetete spesso queste scene nella vostra mente e quando constatate che il film non scorre in modo fluido, premete sul tasto di ritorno lasciando che questa volta la scena fluisca nel modo ottimale. Quando la sensazione di felicità sarà sufficientemente forte, non vi sarà difficile programmare il vostro successo, giorno dopo giorno. Con il tempo potrà persino accadervi di pensarci in modo completamente automatico, forse già al mattino appena svegli. In questo modo potrete programmare qualsivoglia obiettivo nella vostra vita.

La forza dell’immaginazione crea realtà! Ciò che voi immaginate, sarà anche ciò che realizzerete perché il cervello non è in grado di distinguere tra quello che abbiamo “solamente” pensato e quello che abbiamo effettivamente vissuto.

Una delle concause del mancato raggiungimento di un obiettivo possono essere dettate dal dubbio di riuscire a realizzarlo, oppure dal fatto di rassegnarsi troppo presto. Ogni pensiero che contiene un dubbio, vi allontana di un passo dal vostro traguardo. Se poi iniziate a dubitarne fortemente, diventerà estremamente arduo se non impossibile conseguirlo.

MindGate® vi permette di dare un occhiata dietro alle quinte della realtà fisica per scoprire come nasce. Potete così prender coscienza del vostro processo creativo e di come ognuno di voi abbia la possibilità di dar forma alla propria realtà individuale, in modo tale da conseguire l’obiettivo prefissato.

Un aspetto non meno importante da considerarsi nel mentre ci stiamo portando verso un obiettivo, è il fatto di godere del percorso necessario per raggiungerlo…

Come raggiungere il vostro obiettivo in modo veloce ed efficace!

Testo Sed ut perspiciatis unde omnis iste natus error sit voluptatem accusantium doloremque laudantium, totam rem aperiam eaque ipsa, quae ab illo inventore veritatis et quasi architecto beatae vitae dicta sunt, explicabo. 

Nemo enim ipsam voluptatem, quia voluptas sit, aspernatur aut odit aut fugit, sed quia consequuntur magni dolores eos, qui ratione voluptatem sequi nesciunt, neque porro quisquam est, qui dolorem ipsum, quia dolor sit, amet, consectetur, adipisci velit, sed quia non numquam eius modi tempora incidunt, ut labore et dolore magnam aliquam quaerat voluptatem. Ut enim ad minima veniam, quis nostrum exercitationem ullam corporis suscipit laboriosam, nisi ut aliquid ex ea commodi consequatur?

Testimonianze

Ho vinto dopo 25 anni la mia prima maratona! Sua moglie, Evi racconta: Il 27.07.2003 Christian si propose di partecipare alla maratona di Re Ludovico a Füssen in Germania. La settimana precedente partecipammo al seminario indetto da Eleonora, a Bressanone (Alto Adige). Entusiasti delle sconfinate possibilità offerteci dalle esperienze percepite, avevamo intenzione di mettere a frutto immediatamente le nuove informazioni ricevute. Il giorno prima della maratona, era di Sabato, decisi di fare una Session per farmi indicare dalla mia Guida gli avvenimenti del giorno seguente. Nel primo spazio d'esperienza che mi si aprì, avvertii intorno a me una cortina di nebbia che potevo percepire come una sorta di intenso calore. Poi vidi Christian che stava in piedi sul gradino più alto di un podio, mentre sollevava una coppa verso il cielo. La risposta era dunque che avrebbe vinto quella caldissima gara! Dopo quella Session, di cui non gli raccontai nulla, non stavo più nella pelle in attesa del fatidico giorno. Il mattino della gara, dopo lo sparo di partenza delle ore 8.00, iniziarono a ritirarsi le nuvole (per davvero!!!) per lasciar posto ad un sole cocente, che iniziò a picchiare inesorabilmente sugli atleti partecipanti. Già dopo i primi 5km. Christian raggiungeva la sesta posizione, dietro il quartetto di testa che seguiva il primo concorrente a distanza molto ravvicinata. Io potei seguirlo in Mountain Bike durante quasi tutto il percorso ed ebbi così la possibilità di osservare la gara dal punto di vista esperito durante la Session. Mi ricordai che, nonostante l'intensificarsi del caldo, Christian sarebbe rimasto sciolto e rilassato. Solamente all'arrivo, quando mi rivelò il suo segreto, ne capii le ragioni. A 32km. circa dalla partenza, dove una ripida salita portava al punto più alto della maratona, Christian superò con sorprendente facilità il concorrente che fino a quel momento conduceva la gara e di lì in avanti, continuò ad incrementarne il distacco portandolo sino alla soglia dei 3min. in prossimità del traguardo. Solamente durante gli ultimi 3km notai un leggero calo delle sue prestazioni. Christian vinse la sua prima maratona! Al traguardo mi raccontò che non ebbe nemmeno modo di percepire la calura di quella giornata, poiché si era immaginato di gareggiare in Siberia gustandosi perciò la piacevole frescura di quel luogo. Inoltre prima della partenza, si sarebbe immaginato di correre nei panni di un felino come il ghepardo. Potemmo quindi comunemente mettere in pratica le nostre preziose conoscenze. E per questa cosa, cara Eleonora, vorremmo ringraziarti nuovamente di tutto cuore!!!!!!
Christian Jocher,
Imprenditore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Ti è piaciuto l'argomento? Condividi la conoscenza.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp

© 2019 MindGate – Paul Kircher – Villa, 68 – 39042 Bressanone (BZ) – P.I.02926600210 – C.F. KRCPLA67R16B160T – Tel. +39 348 3106566 – Professionisti disciplinati ai sensi della Legge n° 4/2013